NiguardaToday

Corso Como, bevono in un locale ma poi non pagano: protagonisti sei turisti francesi

Per questo i giovani francesi ubriachi sono stati denunciati per "insolvenza fraudolenta"

Immagine di repertorio

Ordinano da bere e trascorrono la serata dentro il locale ma poi pretendo di andar via senza pagare. E' successo in corso Como a Milano. Protagonisti sei giovani turisti francesi, durante la notte tra sabato e domenica.

Verso le 4 del mattino, nell'ultimo locale in cui si erano fermati in corso Como è stato presentato loro un conto da 200 euro per cocktail e hanno deciso di non pagare ed è dovuta intervenire la polizia. Per questo i francesi ubriachi sono stati denunciati per "insolvenza fraudolenta".

Inizialmente, dopo aver bevuto e quando il locale stava per chiudere, come ha riferito il titolare, i francesi, tutti giovani di età compresa tra i 23 e i 25 anni, non erano riusciti a pagare perché il bancomat non funzionava, ma poi quando è tornato in funzione, senza apparenti ragioni e visibilmente ubriachi, hanno deciso di non versare il dovuto.

Da qui l'intervento della polizia, chiamata dal titolare, e la denuncia nei confronti dei giovani che sono comunque rimasti davanti al locale ad aspettare gli agenti.

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Perchè è importante cambiare le lenzuola del letto

  • Pulizia della lavastoviglie: tutti i consigli utili

  • Come svegliarsi bene la mattina: 6 consigli pratici

I più letti della settimana

  • Follia sul bus a Milano, autista picchiato a sangue: la foto denuncia dell'occhio tumefatto

  • E' morto a Milano Enrico Nascimbeni, aveva 59 anni

  • Sciopero dei mezzi a Milano, giovedì stop a metro, tram e bus Atm: gli orari dell'agitazione

  • Meno di 300 euro per andare (e tornare) da Milano a New York: ecco il nuovo volo diretto

  • Assorbenti, coppette mestruali e sex toys: a Milano il primo negozio dedicato alla vagina

  • Ragazzo di ventidue anni sparito da oltre un mese: ritrovato a Milano, dormiva in strada

Torna su
MilanoToday è in caricamento