NiguardaToday

Niguarda, ancora tre arresti per il racket delle occupazioni abusive

Altri tre arresti a Niguarda per l’inchiesta del racket delle popolari. In manette madre, figlia e fidanzato di quest’ultima: facevano pagare dagli 800 ai 1500 al mese per aprire e occupare appartamenti popolari sfitti. La scoperta grazie al video di una onlus

Dopo il video di “Sos racket e usura” che denunciava il racket della case popolari a Niguarda, questa mattina Giovanna Pesco, sua figlia e il suo compagno sono stati arrestati dalla Squadra Mobile di Milano.

I tre sono accusati di di associazione a delinquere finalizzata all'occupazione abusiva di immobili e con loro sono indagate 12 persone. Secondo le carte del gip emerge che i tre facevano pagare dagli 800 ai 1500 euro al mese per aprire e far poi occupare appartamenti sfitti nelle case popolari, alcuni dell'Aler altri presi in gestione dal Comune in attesa di assegnarli.

Secondo le indagini i tre avevano messo in piede questo meccanismo nelle palazzine di Via Monti già da tempo e mantenevano lo status quo anche intimidendo e minacciando i residenti. Qualcuno però si è fatto avanti, confermando così le accuse del video: “dimostra che attraverso la collaborazione di tutti l'intervento dello stato é possibile. Aspettiamo altre segnalazioni, anche relative ad altre zone della città” cadetto il dirigente della Mobile Alessandro Giuliano

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

Torna su
MilanoToday è in caricamento