NiguardaToday

"Riposa in pace Leonardo", un murale per il bimbo morto dopo una caduta a scuola

Un disegno dedicato al bimbo morto dopo essere precipitato a scuola dal secondo piano

Il murale

Una colomba che spicca il volo, il suo nome scritto in grande e i raggi del sole a illuminarlo. Su uno dei muri alla "Collina dei ciliegi" in Bicocca è apparso un murale dedicato a Leonardo Acquaviva, il piccolo di cinque anni e mezzo morto dopo essere caduto nel vuoto dal secondo piano della sua scuola. 

La tragedia, avvenuta alla Giovanni Battista Pirelli di via Goffredo da Bussero, aveva sconvolto e segnato tutta la città e adesso qualche artista ha voluto tracciare il nome del piccolo sul muro - dove era già presento il disegno - per far sì che il suo ricordo sia più vivo che mai. 

Sulla morte di Leonardo, che si era spento dopo quattro giorni di agonia in ospedale, è ancora aperta un'indagine della procura, che sta cercando di ricostruire con esattezza cosa sia accaduto la mattina di quel tragico 18 ottobre. Il bimbo, stando a quanto finora accertato, era uscito dall'aula per andare in bagno e proprio tornando in aula sarebbe precipitato dalla ringhiera cadendo nella tromba delle scale.

Sembra - ma tutto è ancora in fase di verifica - che l'altezza della ringhiera fosse a norme ed è verosimile che il bimbo fosse salito su una sedia con le rotelle per poi sporgersi e perdere l'equilibrio. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Clienti delusi dal villaggio di Natale di Milano, proteste sui social e richieste di rimborso

  • Shirley, la baby sitter morta nello schianto tra un pullman Atm e un camion Amsa a Milano

  • Villaggio di Natale di San Siro, l'organizzazione ai clienti delusi: 'Le criticità verranno risolte'

  • Milano, Carrefour compra 28 supermercati Auchan da Conad: "Nessun esubero"

  • Milano, rapinato il ristoratore dei vip: "Pistola contro per rubarmi soldi contanti e orologio"

  • Incidente tra filobus Atm e camion Amsa: indagati per omicidio stradale i conducenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento