NiguardaToday

La polizia e i pompieri chiudono due sale scommesse: non rispettavano le norme antincendio

Controllate più di 40 persone di cui 15 con precedenti

Una delle sale scommesse controllate

Due sale scommesse sono state chiuse a tempo indeterminato dai vigili del fuoco in seguito a controlli effettuati insieme agli agenti del commissariato comasina. Troppe, secondo quanto riferisce la questura di via Fatebenefratelli, le mancanze per quanto riguarda le condizioni di sicurezza previste dalla legge. I gestori ora dovranno ripristinare queste condizioni per poter riaprire i due locali, che si trovano in via Broglio 28 (Bovisa) e via Fontanelli 7 (Bruzzano).

Le verifiche, secondo quanto comunicato dalla questura, hanno rilevato la presenza di porte di emergenza rotte e non apribili, l'assenza della cartellonistica antincendio, estintori non manutenuti alle cadenze semestrali previste dalla legge, assenza di lavoratori incaricati per l'emergenza incendio e macata documentazione sugli adempimenti previsti in materia di sicurezza sul lavoro. 

All'interno dei due locali sono state inoltre controllate 41 persone, di cui 15 risultate con precedenti di polizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Ogni quanto bisogna pesarsi?

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: 29 morti e 84 nuovi casi ma pochi tamponi

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

  • All'Antico Vinaio a Milano, il 15 giugno apre il mitico locale delle schiacciate fiorentine

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: tamponi quasi 'spariti', dati ininfluenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento